Certificazione dei cosmetici – quali sono

Certificazioni cosmetici biologici e naturali: sono tante e c’è poca chiarezza. Nell’ambito delle certificazioni cosmetici biologici e naturali esi

Earth Song and Micheal Jackson
Earth Day – Giornata della Terra
⛔️⛔️ SILICONI – Come riconoscerli
GLI INGREDIENTI DANNOSI NEI COSMETICI
Le Certificazioni sui prodotti cosmetici
Certificazione dei cosmetici

Certificazioni cosmetici biologici e naturali: sono tante e c’è poca chiarezza.
Nell’ambito delle certificazioni cosmetici biologici e naturali esistono diversi marchi che creano confusione.
Vi diamo una veloce panoramica di tutte le principali certificazioni europee ed italiane in materia,
quali sono i loghi da guardare e cosa bisogna controllare quando si acquistano i cosmetici.

Fermo restando che la legge italiana e le norme europee in materia sono piuttosto esaustive per quello che riguarda la produzione e le caratteristiche di un cosmetico (legge 713/86),
tuttavia è la nomenclatura usata in etichetta ad essere difficile, gli ingredienti sono infatti elencati nell’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), in ordine crescente da quello più utilizzato a quello meno, spesso utilizzando il nome scientifico.

All’acquisto di un cosmetico biologico e naturale occorrerà controllare quindi la presenza del marchio dell’ente certificatore, che garantisce la correttezza del processo produttivo e il rispetto di nome severe per la scelta e l’utilizzo degli ingredienti.

E’ doveroso anche fare un’importante distinzione è tra i cosmetici biologici e quelli naturali.
I cosmetici biologici sono ovviamente cosmetici naturali, ma dire “naturale” nel campo dei prodotti di bellezza significa solo parlare di ‘cosmetici a base vegetale’.
Inoltre si deve sottolineare che in campo cosmetico oltre agli oli da massaggio e poco altro, i prodotti non possono essere interamente vegetali. Per mantenere stabile la crema o la lozione sono necessari emulsionanti, tensioattivi, conservanti, che sono tutte sostanze di sintesi.
A questo punto sappiate che i prodotti ‘naturali’ contengono fino al 10% di sostanze vegetali pure e una certa percentuale di quelle ottenute per trasformazione di sostanze vegetali.
Quindi, ci saranno sostanze di sintesi anche nei cosmetici biologici naturali, ma scegliere un cosmetico bio certificato significa essere sicuri che conterrà prodotti agricoli e zootecnici derivati da agricoltura biologica certificata, non avrà sostanze dannose, tossiche o allergizzanti; non saranno stati impiegati OGM e non si avrà fatto ricorso alla sperimentazione sugli animali; infine non saranno state impiegate radiazioni ionizzanti.

Le certificazioni cosmetici biologici e naturali

Bisogna poi fare una distinzione necessaria tra vari tipi di cosmetici bio, in quanto esistono tante sfumature, anche perché la certificazione del cosmetico biologico impone rigorosi standard da rispettare.
Nelle formule dei prodotti bio non sono ammessi pesticidi, coloranti artificiali, materie prime di origine animale, né OGM, i tanto discussi organismi geneticamente modificati.
Le piante devono crescere in ambiente protetto, lontane dalle sostanze nocive che servono per la coltivazione ‘tradizionale’. Per la raccolta e la distillazione, inoltre, viene rispettato il ciclo delle stagioni. Inoltre il numero di principi attivi ammessi è davvero ristretto,
se si considera che sono vietate anche ben 4.500 delle 8.000 sostanze autorizzate per la produzione dei cosmetici tradizionali.
✔ Cosmetici biologici certificati. Sono i cosmetici che, dopo aver superato diverse verifiche sulla provenienza biologica degli ingredienti, hanno ottenuto la certificazione da un ente riconosciuto che garantisce l’effettiva provenienza biologica del cosmetico.
✔ Cosmetici ecologici con estratti vegetali. Sono i cosmetici che, pur non avendo la certificazione bio, seguono iter produttivi rispettosi dell’ambiente.
✔ Cosmetici misti. Non mancano sul mercato prodotti che si collocano a metà tra natura e sintesi di laboratorio.

Gli enti di certificazione europei

Cosmos (Cosmetics Organic Standard) è lo standard unico europeo per le certificazioni dei prodotti cosmetici naturali. E’stato fatto un grande passo avanti con l’entrata in vigore di questo disciplinare, che definisce e regolamenta il cosmetico biologico, condiviso e approvato da tutti i principali enti certificatori europei.
I principi base di Cosmos, che definiscono un cosmetico ‘naturale’ sono rigorosi e prevedono due livelli distinti di certificazione:

✔una per il prodotto biologico
✔una per il prodotto naturale.

In Francia l’ente che certifica sia prodotti naturali che biologici è Ecocert, in Germania l’ultra affidabile Bdih, in Inghilterra c’è la Soil Association, in Belgio opera la Bioforum e in Italia l’ICEA.

Certificazioni cosmetici biologici e naturali dei prodotti italiani

In Italia i prodotti di bellezza possono essere certificati da ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), oppure certificati dal CCPB (Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici), riconosciuto dal Ministero dell’Agricoltura (il marchio è riportato in basso, con la scritta ‘controllo biologico’).
Ci sono alcuni prodotti che sono marchiati anche AIAB; l’associazione dell’agricoltura biologica garantisce l’assenza di OGM, applica notevoli restrizioni per l’uso di sostanze chimiche e richiede l’eco-compatibilità del confezionamento.
E’ bene non farsi ingannare, nella scelta e nell’acquisto di cosmetici bio.
Bisogna quindi imparare a riconoscere i loghi di questi enti certificativi riconosciuti nella nomenclatura europea, perché i controlli sul processo produttivo e sulle sostanze ammesse sono rigidi . ICEA ad esempo ne ammette solo 2.331: l’elenco completo delle aziende e dei cosmetici certificati, con relative composizioni, è consultabile sul sito ufficiale, mentre esiste una app che vi permette di controllare subito se un cosmetico ha passato il controllo ICEA.
Attenzione, perché esistono anche dei prodotti biologici che non sono 100% bio: per questi l’unico obbligo è contenere sostanze naturali almeno al 95%. Qui manca la certificazione ufficiale. In questi casi diventa buona norma controllare sempre l’INCI, ossia l’elenco degli ingredienti, riportato sulla confezione.
Se invece volete verificare che non siano testati su animali, fate riferimento ai certificati LAV o Cruelty Free.

Fonte TuttoGreen

COMMENTS

WORDPRESS: 0
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!