Ecosia: cambiare il mondo con un’App, si può?

Ecosia: cambiare il mondo con un’App, si può?

Certificazione dei cosmetici – quali sono
Earth Day – Giornata della Terra
⛔️⛔️PEG – CESSORI FORMALDEIDE – COCAMIDE DEA/MEA/TEA
GREENWASHING
Earth Song and Micheal Jackson

 

Salve a tutte rapunzelle,

oggi vogliamo parlarvi di un’applicazione, un motore di ricerca sul modello di Google, molto utile non solo nel nostro privato quotidiano ma, e soprattutto, nella vita di tutti i cittadini a livello globale: Ecosia.

Che cos’è e come nasce Ecosia?

Ecosia è un app scaricabile da App Store (IOS) e da Play Store (Android) che ci permette di fare ricerche online rapidamente e in modo sicuro, ma non è solo questo, è molto di più. Infatti con i ricavati delle ricerche effettuate dagli utenti vengono piantati alberi in Marocco, Spagna, Perù, Indonesia, Nicaragua, Senegal, Tanzania, Haiti, Madagascar, Burkina Faso, Uganda, Kenya, Ghana, Colombia, Etiopia e Brasile.

Esiste anche la possibilità di aggiungerla sottoforma di estensione ai vostri browser abituali quali Google Chrome.

Nasce nel dicembre del 2009 dalla volontà di Christian Kroll (in foto), dopo un viaggio attorno al mondo che lo ha portato a capire meglio i problemi della deforestazione. Ha visitato l’India e la Tailandia e alla fine ha deciso di rimanere in Nepal per un po’ per creare “Xabbel”, un motore di ricerca locale che avrebbe dovuto aiutare a generare fondi per i progetti delle ONG locali. Con una media di sole quattro ore di elettricità al giorno, Christian dovette presto abbandonare “Xabbel”, ma l’idea di un motore di ricerca con un impatto positivo rimase con lui. Christian continuò a viaggiare e allestì un campo in Argentina per alcuni mesi. Ha imparato molto sui progetti di riforestazione nella foresta pluviale atlantica in Argentina e Brasile.

 

È così che ha imparato molto sulla connessione tra globalizzazione e cambiamento climatico e su come piantare nuovi alberi potrebbe effettivamente neutralizzare le emissioni di CO2 su larga scala. Alla fine del 2009 è nata l’idea di Ecosia.org e il motore di ricerca per piantare alberi è stato lanciato nel dicembre dello stesso anno. È un’azienda sociale con sede a Berlino di proprietà di Christian Kroll e Tim Schumacher.

Come funziona Ecosia?

Il funzionamento di Ecosia è molto semplice: tu fai le tue ricerche in internet con Ecosia. Le pubblicità legate alla ricerca creano introiti per Ecosia e questa destina questi ricavi alla riforestazione. Mensilmente il sito di Ecosia pubblica, poi, i report finanziari e le ricevute per la riforestazione. In questo modo è possibile tenere sott’occhio il nostro viaggio verso un mondo riforestato, nella più completa trasparenza!

 

Come qualsiasi altro motore di ricerca, Ecosia guadagna denaro dai clic sugli annunci pubblicitari che appaiono sopra e accanto ai risultati della ricerca. Gli annunci pubblicitari su Ecosia sono chiaramente etichettati come annunci pubblicitari e sono collegamenti di testo a siti Web che pagano per ogni clic ricevuto da parte degli utenti. Gli annunci vengono consegnati dal partner Bing, che paga a Ecosia una quota delle entrate generate tramite questi annunci.

Ecosia guadagna pochi centesimi per ogni clic su un annuncio da Bing, o una parte del prezzo di acquisto effettuato tramite un link di affiliazione. Ecosia quindi fornisce i profitti da queste entrate pubblicitarie ai progetti di impianto.

Guadagna anche piccole entrate su commissione dal negozio online. Tutti i profitti che ricevono vanno ai loro progetti, il che significa che possono piantare 20 alberi ogni volta che vendono una maglietta.

Quanto guadagna per clic sull’annuncio?

L’importo che guadagna per clic su un annuncio varia in base alla concorrenza sulla parola chiave e al valore di ciò che viene pubblicizzato. Alcuni termini di ricerca come “credito”, “conto bancario” o “pannello solare” vengono forniti con annunci più redditizi di, ad esempio, “cioccolato” o “note adesive”.

Un clic su uno degli annunci di parole chiave più redditizi può finanziare più alberi contemporaneamente, altri possono finanziare una frazione. Tenendo conto del fatto che non tutti gli utenti Ecosia fanno clic su un annuncio ogni volta che effettuano una ricerca, guadagnano in media 0,5 centesimi d’Euro per ricerca.

Una sola ricerca finanzia un nuovo albero?

No, sono necessarie circa 45 ricerche per finanziare la semina di un albero. Sappiamo che Ecosia guadagna in media 0,5 centesimi per ricerca. I nostri partner nella piantagione di alberi costano circa 22,5 Euro per piantare un albero. 22,5 euro divisi per 0,5 centesimi effettuano circa 45 ricerche fino a quando non possiamo piantare un nuovo albero. A seconda dei clic sugli annunci e della quantità di entrate dagli annunci di ricerca che generano per Ecosia, potrebbero essere necessarie meno ricerche. Pensala in questo modo: attualmente, viene finanziata la piantagione di un nuovo albero ogni secondo!

 

Quali metodi di piantagione di alberi utilizza Ecosia?

Quando pianta alberi, Ecosia deve assicurarsi che il nuovo ecosistema forestale può funzionare correttamente. Ecosia pianta solo alberi in aree disboscate dove storicamente ci sono stati alberi, spesso sottoforma di foresta, siccome queste aree offrono un ambiente in cui gli alberi possono effettivamente prosperare.

Lavora con specie autoctone per ripristinare la situazione naturale che esisteva prima. Vi sono eccezioni occasionali, ad esempio piantare alberi da frutta a alberi autoctoni nei sistemi agroforestali, per fornire reddito e cibo alle comunità locali.

Ecosia, inoltre, utilizza un approccio paesaggistico integrato che supporta la natura e le persone costruendo corridoi, catturando acqua o modificando positivamente il clima locale. Si assicura che piantare alberi funzioni in un senso più ampio e che le attività che sostiene non siano isolate.

Gli alberi infatti sopravvivranno solo se le persone all’interno e intorno all’area del progetto comprenderanno i benefici che gli alberi portano – il che può essere un cambiamento alla situazione precedente che ha causato la scomparsa degli alberi. I membri di Ecosia vogliono capire cosa ha causato la deforestazione per evitare che ciò accada di nuovo.

 

 

Ma nonostante ciò a Ecosia interessa molto il parere delle persone; esso viene prima di tutto. Anche se tutti i benefici sembrano evidenti, se la popolazione locale non è d’accordo con il modo in cui è pianificato un programma di impianto, forzare un progetto su di essi, secondo Ecosia, non è certamente la strada da percorrere. In pratica, Ecosia tiene a conto del fatto che ci sono anche diversi punti di vista all’interno di una comunità ma con buon senso e una mente aperta, tutti i soggetti coinvolti possono discutere di come e se si può lavorare meglio insieme nell’area. Anche il ruolo delle donne e dei bambini è molto importante in questo processo.

Che ci crediate o no, piantare non è sempre il modo migliore per recuperare gli alberi! Piantare alberi significa iniziare con un vivaio e trasportarli in siti dove sono stati seminati e cresciuti in circostanze ideali. Molti giovani alberelli muoiono perché non possono adattarsi al duro mondo esterno. Certo, vengono piantati alberi dove appropriato. Tuttavia, Ecosia supporta anche altri metodi, come la semina o la rigenerazione naturale gestita dall’agricoltore, che sono spesso più economici ed efficaci.

Ecosia si occupa anche di un ulteriore progetto in Brasile che mira a far ricrescere 25 milioni di alberi in dieci anni. Gli incendi boschivi rappresentano una grave minaccia per la Mata Atlântica e, impiegando le persone per gestirli, Ecosia può ripristinare oltre 10.000 ettari a un prezzo molto economico.

Consigliamo Ecosia?

Assolutamente sì! A livello pratico, il motore di ricerca è rapido, intuitivo e semplice da usare per la sua somiglianza straordinaria con il motore di ricerca più utilizzato di sempre, ovvero Google.

Ma non possiamo limitarci a questo. Non possiamo restare indifferenti di fronte a quanto sta accadendo nel mondo, sulla nostra amata Terra.

L’8 ottobre 2018 con l’allarmante Special report 15 (Sr15) il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc) lancia un monito forte e chiaro: se continueremo così, con le attuali emissioni di CO2, già nel 2030 la temperatura media globale potrebbe superare di 1,5 gradi i livelli pre-industriali con conseguenze drammatiche per il Pianeta.

Cosa c‘entra con Ecosia?

Piantando alberi e compensando il consumo di energia con fonti rinnovabili, ogni ricerca con Ecosia rimuove effettivamente 1 kg di CO2 dall’aria, il che rende Ecosia un motore di ricerca negativo per il carbonio. Ecco la matematica: una ricerca media genera circa 0,5 centesimi di entrate. Costa circa 22,50 € piantare un albero, come abbiamo già detto, e il che significa che Ecosia può piantare un albero ogni 45 ricerche. In media, questi alberi rimuoveranno ciascuno 45 kg di CO2 per una durata prevista di 15 anni.

Ciò significa che se Ecosia fosse grande come Google, riuscirebbe ad assorbire il 15% di tutte le emissioni globali di CO2! È abbastanza per compensare le emissioni dei veicoli in tutto il mondo.

Quindi, adesso che sappiamo cosa noi, nel nostro piccolo, possiamo fare,

CHE SCUSA ABBIAMO?

Per scaricare Ecosia clicca qui ->

Android: “Ecosia”

Apple: “Ecosia”

Sito ufficiale: “Ecosia.org”

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0