Cannella (Cinnamomum Verum)

Cannella (Cinnamomum Verum)

KAPOOR KACHLI
Rosa Damascena
Kachur Sugandhi
AMLA(PHYLLANTHUS EMBLICA)
Proprietà delle erbe lavanti

Regno: Plantae
Ordine: Laurales
Famiglia: Lauraceae
Genere: Cinnamomum
Specie: Cinnamomum Verum

Descrizione: La cannella è una spezia ottenuta dalla corteccia interna di diverse specie di alberi del genere Cinnamomum. La cannella viene utilizzata principalmente come condimento aromatico e additivo aromatizzante in un’ampia varietà di cucine, piatti dolci e salati, cereali per la colazione, snack, tè e cibi tradizionali. L’aroma e il sapore della cannella derivano dal suo olio essenziale e dal componente principale, la cinnamaldeide, nonché da numerosi altri componenti, tra cui l’eugenolo.
Il termine “cannella” è anche usato per descrivere il suo colore marrone medio. La cannella è il nome di diverse specie di alberi e dei prodotti di spezie commerciali che alcuni di loro producono. Tutti sono membri del genere Cinnamomum della famiglia Lauraceae. Solo alcune specie di Cinnamomum vengono coltivate commercialmente per le spezie. Il cinnamomum verum è talvolta considerato “vera cannella”, ma la maggior parte della cannella nel commercio internazionale deriva da specie correlate, dette anche “cassia”. Nel 2016, Indonesia e Cina hanno prodotto il 75% della fornitura mondiale di cannella.
La cannella è un albero sempreverde caratterizzato da foglie di forma ovale, corteccia spessa e frutti di bosco. Quando si raccolgono le spezie, la corteccia e le foglie sono le parti primarie della pianta utilizzata. La cannella viene coltivata facendo crescere l’albero per due anni, quindi ricoprendolo, cioè tagliando gli steli a livello del suolo. L’anno seguente, circa una dozzina di nuovi germogli si formano dalle radici, sostituendo quelli che furono tagliati. Gli steli devono essere lavorati immediatamente dopo la raccolta mentre la corteccia interna è ancora bagnata. Gli steli tagliati vengono elaborati raschiando la corteccia esterna, quindi battendo il ramo in modo uniforme con un martello per allentare la corteccia interna, che viene quindi staccata in lunghi rotoli. Vengono utilizzati solo 0,5 mm di corteccia interna; la parte esterna legnosa viene scartata, lasciando strisce di cannella lunghe un metro che si arricciano in rotoli (“aculei”) all’essiccazione. La corteccia trattata si asciuga completamente in 4-6 ore, a condizione che sia in un ambiente ben ventilato e relativamente caldo. Una volta asciutta, la corteccia viene tagliata in lunghezze da 5 a 10 cm e messa in vendita.

Geografia: La pianta è nativa dello Sri Lanka ed è stata introdotta in diversi paesi tropicali, quali il Madagascar, Malaysia e Antille. Viene prodotta anche in Indonesia.

Una storia millenaria
La cannella (Cinnamomum Verum) è conosciuta sin dall’antichità. Fu importata in Egitto già nel 2000 a.C., ma coloro che riferirono che proveniva dalla Cina l’avevano confusa con il Cinnamomum cassia, una specie affine. La cannella era così apprezzata dalle nazioni antiche che era considerata un dono adatto ai monarchi e persino a una divinità; una bella iscrizione registra il dono di cannella vera e cassia al tempio di Apollo a Mileto. La sua fonte è stata mantenuta misteriosa nel mondo mediterraneo per secoli da quelli del commercio delle spezie per proteggere il loro monopolio come fornitori. Il cinnamomum verum, che si traduce come “vera cannella”, è originario dell’India, dello Sri Lanka, del Bangladesh e del Myanmar. Cinnamomum cassia (cassia) è originaria della Cina. Le specie correlate, tutte raccolte e vendute nell’era moderna come cannella, sono originarie del Vietnam, dell’Indonesia e di altri paesi del sud-est asiatico con climi caldi.
Il primo riferimento greco alla cannella si trova in una poesia di Saffo del VII secolo a.C. Secondo Erodoto, sia la cannella che la cassia crescevano in Arabia, insieme all’incenso, alla mirra e al labdano, e venivano sorvegliate da serpenti alati.

 

Nell’antico Egitto, la cannella veniva utilizzata per imbalsamare le mummie. Dai tempi ellenistici in poi, le antiche ricette egiziane per kyphi, un aromatico usato per bruciare, includevano cannella e cassia. I doni dei sovrani ellenistici ai templi talvolta includevano cassia e cannella.
La cannella fu portata in giro per la penisola arabica su “zattere senza timoni o vele o remi”, sfruttando gli alisei invernali. Plinio il Vecchio menziona anche la cassia come agente aromatizzante per il vino.
Secondo Plinio il Vecchio, una sterlina romana (327 grammi) di cassia, cannella o serichatum costava fino a 1500 denari, il salario di cinquanta mesi di lavoro. L’editto di Diocleziano sui prezzi massimi del 301 d.C. dà un prezzo di 125 denari per una libbra di cassia, mentre un bracciante agricolo guadagnava 25 denari al giorno. La cannella era troppo costosa per essere comunemente usata sui piroscafi funebri a Roma, ma si dice che l’Imperatore Nerone avesse bruciato un anno per la fornitura della città al funerale di sua moglie Poppaea Sabina nel 65 d.C.
Durante il Medioevo, la fonte di cannella rimase un mistero per il mondo occidentale. Dalla lettura di scrittori latini che citavano Erodoto, gli europei avevano appreso che la cannella risaliva il Mar Rosso fino ai porti commerciali dell’Egitto, ma da dove proveniva era tutt’altro che chiaro. Quando il Sieur de Joinville accompagnò il suo re in Egitto durante una crociata nel 1248, riferì – e credette a ciò che gli era stato detto-: che la cannella veniva pescata nelle reti alla fonte del Nilo ai margini del mondo (cioè, Etiopia). Marco Polo ha evitato la precisione sull’argomento. Erodoto e altri autori chiamarono l’Arabia come fonte di cannella: raccontarono che giganteschi “uccelli di cannella” raccolsero i bastoncini di cannella da una terra sconosciuta dove crescevano gli alberi di cannella e li usarono per costruire i loro nidi, e che gli arabi impiegarono un trucco per ottenere i bastoncini. Plinio il Vecchio scrisse nel primo secolo che i commercianti lo avevano inventato per caricare di più, ma la storia rimase corrente a Bisanzio fino al 1310.
La prima volta che si legge che la spezia era originaria dello Sri Lanka fu nell’Athar al-bilad wa-akhbar al-‘bad di Zakariya al-Qazwini (“Monumento dei luoghi e storia dei servi di Dio”) verso il 1270. A ciò seguì poco dopo Giovanni di Montecorvino in una lettera risalente al 1292 circa.

Le zattere indonesiane trasportavano cannella direttamente dalle Molucche all’Africa orientale (vedi anche Rhapta), dove i commercianti locali la trasportavano a nord fino ad Alessandria d’Egitto. I commercianti veneziani dall’Italia detenevano il monopolio del commercio delle spezie in Europa, distribuendo cannella da Alessandria. L’interruzione di questo commercio a causa dell’ascesa di altre potenze mediterranee, come i sultani mamelucchi e l’impero ottomano, fu uno dei molti fattori che portarono gli europei a cercare più ampiamente altre rotte per l’Asia.
Durante il 1500, Ferdinando Magellano stava cercando spezie per conto della Spagna, e nelle Filippine trovò Cinnamomum mindanaense, che era strettamente imparentato con C. zeylanicum, la cannella trovata in Sri Lanka. Questa cannella alla fine fece concorrenza alla cannella dello Sri Lanka, che era controllata dai portoghesi.
Nel 1638, i commercianti olandesi stabilirono una sede commerciale in Sri Lanka, assunsero il controllo delle fabbriche entro il 1640 ed espellevano i rimanenti portoghesi entro il 1658. “Le coste dell’isola ne sono piene”, riferì un capitano olandese, “ed è il migliore in tutto l’Oriente. Quando si è sottovento sull’isola, si possono ancora sentire l’odore della cannella per otto leghe in mare. “. La Compagnia olandese delle Indie orientali ha continuato a rivedere i metodi di raccolta in natura e alla fine ha iniziato coltivare i propri alberi.
Nel 1767 Lord Brown della British East India Company fondò la tenuta di cannella Anjarakkandy vicino ad Anjarakkandy nel distretto di Cannanore nel Kerala; divenne la più grande tenuta di cannella dell’Asia. Gli inglesi presero il controllo di Ceylon dagli olandesi nel 1796.
Principi attivi: La cannella in polvere è composta per circa l’11% di acqua, l’81% di carboidrati (incluso il 53% di fibre alimentari), il 4% di proteine e l’1% di grassi. In un importo di riferimento di 100 grammi, la cannella macinata è una ricca fonte di calcio (100% del valore giornaliero), ferro (64%) e vitamina K (30%).

Benefici per la pelle
Nei paesi produttori la cannella è stata usata da tempo immemore per vari scopi medicinali, compresi i disturbi della pelle. Una cosa grandiosa della cannella è che ci sono molti modi per usarla: olio essenziale di cannella, polvere, oleolito di cannella, ecc.
La cannella si sta dimostrando una spezia che non solo aggiunge sapore a vari piatti ma può anche curare molte infezioni e malattie. Esistono diverse ricerche condotte in tutto il mondo sui benefici della cannella per diabete, perdita di capelli, colesterolo, memoria, artrite, pelle e altro. Si dice che un’applicazione topica di cannella con miele elimini brufoli, tigna, eczema e altre infezioni della pelle. L’olio essenziale di cannella è spesso usato in aromaterapia e si combina bene con oli essenziali di limone, lavanda, cardamomo, geranio e rosmarino. L’olio essenziale di cannella può essere usato come olio da massaggio per curare l’artrite, il dolore generale e così via. Ricorda però che, come tutti gli oli essenziali, è molto concentrato e non va usato mai puro sulla pelle ma sempre diluito, nella dose di poche gocce, nella porzione d’olio vegetale scelto.
Tra i vari benefici offerti dalla cannella, uno dei più importanti è il suo ruolo nel mantenimento di una pelle sana. Ecco alcuni dei benefici della cannella per la pelle:

– Trattamento dell’eczema. L’eczema è una condizione per cui la pelle si infiamma e si irrita. Un gran numero di condizioni mediche è raggruppato sotto il termine “eczema”. Il tipo più comune di eczema è la dermatite atopica, che è una condizione ereditaria. La causa esatta dell’eczema non è nota, ma la causa più importante è una risposta iperattiva del sistema immunitario contro un irritante o un allergene. L’eczema può essere una condizione della pelle molto irritante che lascia dietro chiazze di colore chiaro. Alcune persone hanno scoperto che l’uso di 1 cucchiaino di cannella e 1 cucchiaino di miele su queste macchie potrebbe fornire sollievo. Tuttavia, questa pasta non deve essere utilizzata sul viso in quanto può causare irritazione. Si consiglia di eseguire un test cutaneo prima di utilizzare la pasta di cannella sulla pelle.

– Trattamento dell’acne. La stessa pasta di miele e cannella usata contro l’eczema può essere usata per combattere i brufoli. Mescola 1 cucchiaio di polvere di cannella e 3 cucchiai di miele e applicalo sui singoli brufoli, non su tutto il viso. Lascia questa pasta in posa 15 minuti prima di lavarla con acqua calda. Le cicatrici da acne potrebbero seccarsi e la pelle potrebbe ringiovanire. Questa pasta non deve essere usata più di una volta alla settimana poiché potrebbe causare irritazione alla pelle; per lo stesso motivo si consiglia un uso localizzato e non su tutta la pelle del viso.
– Promuove la circolazione sanguigna. L’olio essenziale di cannella migliora la circolazione sanguigna. Usando questo olio essenziale per i massaggi, i nutrienti nella pelle aumentano e questo migliora il tono della pelle. Ripeto che l’olio essenziale di cannella non va mai usato puro sulla pelle ma sempre diluito in un olio vettore di origine vegetale. Può essere usato anche, unito ad olio SEMPRE, per rendere le labbra più turgide e rimpolpate.

– Migliora la carnagione. Grazie alle proprietà antifungine e antibatteriche, la cannella aiuta a migliorare la carnagione della pelle. Mescola gli ingredienti: mezza banana, mezzo cucchiaino di cannella in polvere, un cucchiaio di yogurt e poche gocce di succo di limone e pestalo in una pasta uniforme. Per raggiungere la giusta consistenza, aggiungi altro yogurt se necessario. Applica sul viso deterso, lontano dal contorno occhi e labbra, e lascia agire per 15 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida. Applica tonico e la tua crema viso preferita. La pasta rimanente può essere usata anche sulle mani e su qualsiasi altra parte del corpo.

Benefici per i capelli
Tutti noi soffriamo di caduta di capelli che può essere più o meno forte in base al periodo dell’anno, dello stress, di un’alimentazione inadeguata ecc ecc… Ciò è del tutto normale in linea di massima (se noti un diradamento o una caduta realmente eccessiva consulta il medico, sempre!) ma nonostante ciò noi capellone siamo sempre in cerca di un rimedio alla caduta, del Sacro Graal della crescita… ed ecco che ci viene incontro la cannella!
Infatti, essendo la cannella un vaso dilatatore, promuove la circolazione sanguigna e, di conseguenza, la crescita dei capelli.

 

Si può fare una maschera al cuoio stimolante della crescita con pochi ingredienti reperibili facilmente al supermercato. Serviranno infatti olio di oliva, miele e, ovviamente, la cannella (o olio essenziale di cannella, 3 gocce).
Versa 1/2 tazza di olio d’oliva in un pentolino e riscaldalo a fiamma bassa. Versa l’olio in una ciotola. Aggiungi 1 cucchiaino di cannella e 1 cucchiaino di miele all’olio, mescola e attendi che l’olio prenda una temperatura in grado di non scottarti. Applica bene la miscela sul cuoio capelluto, magari con un applicatore a pennello. Separa i capelli con un pettine per rivelare il cuoio capelluto e applica una quantità generosa di pasta di cannella con il pennello applicatore. Massaggia con movimenti circolari la pasta calda e lasciala in posa, coperta con una cuffia, per 15 minuti. Procedi con lo shampoo, CC del giorno, balsamo e leave in. Applica la pasta una volta alla settimana come trattamento per capelli per favorire la crescita e fermare la caduta.
Siccome la cannella è fortemente irritante consiglio di provare tempi di posa ridotti per poi aumentarli mano a mano che non si notano controindicazioni ma ne sconsiglio comunque la posa notturna. Mi raccomando di effettuare sempre un patch test prima di testare un nuovo rimedio naturale. Naturale non è sinonimo di sicuro, non dimenticatelo mai.
In ogni caso un aumento del calore o un eventuale formicolio della cute sono sicuramente normali reazioni allo stimolo del massaggio, segno che la vasodilatazione sta avvenendo.
Mi raccomando, la prudenza sempre!

 

Dichiarazioni di non responsabilità: Non è stata riscontrata tossicità de nessuna controindicazione all’uso esterno/estetico eccetto ipersensibilità individuali. Tuttavia, è importante notare che attualmente non esistono sufficienti ricerche scientifiche su questo rimedio.
Ad ogni modo consigliamo sempre cautela e, ripetiamolo insieme a mo’ di jingle, “Naturale non è sinonimo di sicuro”!

Nota bene: Tutte queste informazioni sono frutto di studi clinici effettuati “in vitro” e/o “in vivo” ma non hanno lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Consigliamo sempre il parere del medico di base prima di utilizzare qualsiasi sostanza a voi sconosciuta (o parzialmente conosciuta) soprattutto se si è soggetti allergici o particolarmente sensibili, donne in gravidanza e persone sottoposte a cicli farmacologici dovuti a gravi malattie.
Per maggiore sicurezza è possibile eseguire un patch test casalingo per verificare eventuali reazioni allergiche seguendo le direttive di questo link -> “Test Casalingo per le Reazioni Allergiche”
Pertanto ci esoneriamo da qualsiasi responsabilità su un uso improprio delle informazioni riportate negli articoli contenuti in questo sito.

COMMENTS

WORDPRESS: 0