Brahmi (Bacopa Monnieri – Isopo d’acqua)

Brahmi (Bacopa Monnieri – Isopo d’acqua)

Nel nostro CC (Cronoprogramma Capillare ) rientra in I (Idratazione) Un uso continuativo tende a scurire i capelli dalle nuance più chiare I

MELOGRANO – MELAGRANA (ANAR)
Kachur Sugandhi
Proprietà delle erbe lavanti
Bhringraj o Maka – il Re dei capelli
FIENO GRECO (Methi)

Nel nostro CC (Cronoprogramma Capillare ) rientra in I (Idratazione)

Un uso continuativo tende a scurire i capelli dalle nuance più chiare

Il Brahmi, denominato anche “Bacopa Monnieri” o “Isopo d’acqua”, appartiene alla famiglia delle Scrofulariacee (Scrophulariaceae); è una pianta palustre che può essere coltivata nelle torbiere e negli stagni e cresce nelle regioni paludose della Cina, dell’India, del Nepal, dello Sri lanka e in alcune aree degli Stati Uniti orientali. Le sue dimensioni non superano i 20-25 cm di altezza. Essa è una pianta grassa perenne, rampicante formata da steli ramificati e carnosi; il suo fusto si sviluppa generalmente sott’acqua e ha una struttura carnosa ed eretta. Ha foglie piccole e oblanceolate di colore verde chiaro, con piccoli fiori bianchi aventi quattro o cinque petali. Fiorisce nei mesi di aprile e settembre e non sopporta il gelo.

Un po’ di Storia:
Il Brahmi è largamente impiegato nell’ayurveda da circa 30 secoli. Gli indiani affermano che essa può “aprire la porta della piena conoscenza”, in quanto è usata al fine di curare le malattie mentali. Il nome è indiano ed è ispirato al dio Brahma, colui che è definito il creatore delle divinità induiste. L’erba sarebbe stata usata dagli antichi studiosi per memorizzare lunghi inni sacri e importanti scritture. È usata anche per curare le malattie celebrali in quanto per gli indù è il cervello il reale centro dell’attività creatrice; usata anche per disturbi psicologici e nervosi mentre in Cina, considerato come tonico, viene addirittura prescritto come cura per l’impotenza e l’eiaculazione precoce.

Ayurveda:
Il Brahmi migliora la concentrazione e la memoria ed aiuta a bilanciare i tre dosha, Vata, Pitta e Kapha. In termini di energia, in Ayurveda, Brahmi aiuta ad aprire il settimo Chakra (detto anche Chakra della Corona, posto nella parte superiore del cranio) e per questo motivo agevola la meditazione.

 

Benefici del Brahmi:
– Cura per asma e bronchite: La bacopa è utile per il trattamento di sintomi quali l’asma e la bronchite;
– Ansiolitico naturale: La Bacopa viene assunta come ansiolitico naturale che contrasta lo stress, l’ansia e la depressione. Le sue proprietà regolano i livelli di serotonina, l’ormone del buonumore; favorisce il sonno e contrasta il nervosismo;
– Cura i disturbi sessuali: Rimedio contro l’impotenza, l’eiaculazione precoce e la sterilità;
– Contrasta la caduta dei capelli: Valido alleato contro la perdita di capelli e l’incanutimento. Previene anche la comparsa dei capelli bianchi;
– Cura la forfora e il prurito: Combatte il prurito in cute e la fastidiosissima forfora.
– Molteplici sono anche i benefici derivanti dall’utilizzo di questa polvere sulla pelle, essa infatti è un’ ottima alleata contro brufoli ed arrossamenti.

Le virtù del Brahmi per la crescita dei capelli sono molteplici: aiuta la crescita capillare, rende i capelli più spessi, rafforza le radici, previene l’ingrigimento precoce dei capelli, aiuta ad eliminare la forfora ed a migliorare lo stato del cuoio capelluto, rende la chioma morbida e lucente.
Questa pianta risulta utile anche contro la sterilità, ma avendo proprietà antidolorifiche, viene prescritto anche in caso di dolori articolari o reumatismi. A cuba viene usata come diuretico e lassativo. Utile anche contro l’artrosi se il succo di questa pianta viene unito ad un olio;
Le foglie, se spremute, danno un succo che lasciato seccare al sole, costituisce un’ottima base per la preparazione di sciroppi, pasta da spalmare o bibite rinfrescanti.

La preparazione della polvere:
Brahmi può essere applicato tranquillamente anche sulla cute, apporta benefici anche ad essa. Per la preparazione, è importante restare lontane da fonti di aereazione, in quanto le polveri si disperdono facilmente e potrebbero essere inalate. Mescolare la polvere con acqua calda (non bollente); ricordate che potete sostituire l’acqua con degli infusi caldi come il the nero, the verde, camomilla oppure idrolati a vostra scelta, aggiungendo il liquido scelto poco a poco per evitare che il composto risulti troppo liquido, dunque raggiungere una consistenza cremosa. Lasciare riposare per circa 20 minuti. Dopodiché è possibile aggiungere un elemento idratante come miele, gam, gsl, gel d’aloe, ecc… per evitare che il composto secchi i capelli. Per evitare che invece l’impacco si indurisca sulla chioma, avvolgere il capo con pellicola trasparente da cucina oppure con una cuffietta in plastica (in inverno, usare anche un cappellino di lana). Potrete addizionare al Brahmi anche altre erbette al fine di intensificarne i benefici, come ad esempio la polvere di neem, utile contro la forfora. È possibile aggiungere all’impacco qualche goccia di o.e (usati sempre con parsimonia, da non confondere con le fragranze), per sfruttarne i benefici.
La sequenza consigliata, è Shampoo, impacco, balsamo, leave-in, risciacquo acido, ecc…

Può essere utilizzata per la preparazione di maschere per il viso (anche in abbinamento ad idrolati) e di impacchi per capelli post shampoo o come lavaggio no poo. Per ottenere risultati migliori si consiglia di mescolare con altre polveri come amla, Shikakai, Aritha, neem, Maka, Tulsi, da scegliersi a seconda delle vostre esigenze.

Dichiarazione di non responsabilità:
Non risultano Controindicazioni in gravidanza o allattamento.

Tuttavia, è importante notare che attualmente non esistono sufficienti ricerche scientifiche su questo rimedio naturale.

Ad ogni modo consigliamo sempre la cautela…come mi piace sempre dire “naturale non è sinonimo di sicuro”….

Nota bene:
Tutte queste informazioni sono frutto di studi clinici effettuati “in vitro” e “in vivo”
ma non hanno lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Consigliamo sempre il pare del medico di base prima di utilizzare qualsiasi sostanza a voi sconosciuta (o parzialmente conosciuta) soprattutto se si è soggetti allergici o particolarmente sensibili, donne in gravidanza, allattamento e persone sottoposte a cicli farmacologici dovuti a gravi malattie; per maggiore sicurezza è possibile eseguire un patch test casalingo per verificare eventuali reazioni allergiche, scopri come qui 👉🏼 “Test Casalingo per le Reazioni Allergiche

Pertanto ci esoneriamo da qualsiasi responsabilità su un uso improprio delle informazioni riportate negli articoli contenuti in questo sito.

COMMENTS

WORDPRESS: 0
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!